Il Gilet

Il Gilet

CENNI STORICI:

Il gilet è uno dei capi d’abbigliamento di forte tendenza nell’abbigliamento classico maschile; è un capo molto versatile e ricercato che diventò particolarmente noto a metà del 1600 d.C.

Il suo utilizzo venne infatti ‘imposto’ dal Re Sole (Luigi XVI), a tutti i cortigiani della reggia di Versailles, con lo scopo di distinguere i gentleman dalla borghesia.

Il gilet divenne immediatamente un indumento importante, influenzando lo stile di tutte le corti di Europa; originariamente, si presentava lungo fino al ginocchio e con le maniche lunghe poiché il suo compito era quello di proteggere i gentleman dal freddo.

A metà del ‘700 il gilet cominciò a cambiare la sua struttura che lo porterà gradualmente ad accorciarsi sul fondo e a perdere le maniche, fino ad arrivare ad assumere la forma che noi tutti oggi conosciamo ed apprezziamo.

 

 

ACCESSORI DA GILET:

La regola vuole che, proprio per mantenere il più pulita possibile la linea del gilet, non venga indossata la cintura sui pantaloni; infatti, quest’ultima aggiunge spessore in vita, proprio nella zona dove il gilet si restringe e l’uomo dovrebbe apparire il più asciutto possibile. Per evitare di alterare in maniera negativa il look, la cintura dovrebbe essere omessa o essere sostituita con l’uso delle bretelle. Queste ultime rappresentano la scelta migliore poiché saranno nascoste dal gilet e allo stesso tempo svolgono il compito di tenere ben sollevati i pantaloni, evitando che possano ‘calare’ e lasciar intravedere la camicia al di sotto.

Questa regola è da seguire con attenzione per quanto riguarda un look classico e abbastanza formale, quale può essere un completo a due pezzi; per tutti coloro che utilizzano il gilet per un look più casual (sul jeans o pantaloni meno classici), si può optare anche sulla scelta della cintura.

 

I BOTTONI DEL GILET:

Generalmente, per l’abbottonatura del gilet si segue la stessa regola della giacca; l’ultimo bottone in basso andrebbe lasciato sbottonato.

Questa tradizione ha una motivazione tecnica e serve a permettere più libertà di movimento nella zona del bacino e sentirsi meno ‘ingessati’.

L’unica eccezione riguarda gli abiti da cerimonia, caso in cui il gilet deve, al contrario, essere completamente abbottonato fino in fondo per rendere impeccabile ed ordinata l’immagine di chi lo indossa.

 

COME INDOSSARE IL GILET:

Ci sono diversi modi di indossare il gilet. Il primo è l’immancabile abito a tre pezzi.

In questo caso il gilet fa parte del completo stesso, ed è dello stesso tessuto della giacca e del pantalone.

Il secondo, è quello di indossare il gilet creando un effetto a contrasto. Quando decidiamo di indossare un gilet sotto ad un abito a due pezzi (giacca e pantalone), dovremo necessariamente optare per un colore che contrasti nettamente l’abito, creando un armonia di colori ben abbinati tra loro.

Intendo quando indossi un completo di un tessuto, e un gilet di un altro, possibilmente creando un netto contrasto. Esempio: abito grigio scuro, gilet grigio chiaro, e così via.

Negli abbinamenti più casual e quindi meno classici, il gilet si presta molto bene anche al look a più strati ed è ancora più d’effetto se valorizzato con una bella sciarpa che si intoni ai colori indossati.

 

Per concludere, il gilet rappresenta un valido alleato per aggiungere un tocco di classe al look maschile e seguendo queste piccole regole conferirete alla vostra immagine un aspetto ancora più impeccabile e di classe!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X